online (again!) from 1 November 2010

Asco homepage

updated Luglio 2014


News

Biografia

Biography (English version)

Cronologia

I Lavori:

Opere reperibili

Altre sculture fino al 1945

Altre sculture dal 1946 al 1955

Altre sculture dal 1956

Sculture non datate

Sculture non identificate

Opere funerarie

Quadri e Disegni

Ritratti e medaglie

Opere in Musei e altri luoghi pubblici

Altre

Le Mostre

Recensioni

Scritti dell'Artista

Bibliografia

Gallerie Foto

1 - 2 - 3 - 4

Links

 

FRANCO ASCO - ATSCHKO (1903 - 1970)

 

Franco Atschko nacque nel 1903 a Trieste da madre di origine polacca e padre toscano che però non lo riconobbe trattandosi di una relazione segreta.
Ospitato dalla Pia Casa dei Poveri nel 1916, dato che la madre, attenta alla sua istruzione, non poteva curarsene per le difficoltà finanziarie, dette immediatamente prova di precoce talento nella scultura tanto che, nel 1917, realizzò un busto dell'imperatore Francesco Giuseppe. Grazie all'interessamento del Direttore dell'Istituto si iscrisse all'Accademia di Vienna e in seguito frequento quelle di Venezia e Roma. Con l'avvento del fascismo, il suo nome venne italianizzato in Asco e fu amico e inizialmente maestro del più giovane Marcello Mascherini. A Trieste realizzò le figure a bassorilievo per il coronamento della Stazione Marittima e per la Capitaneria di Porto, mentre assieme a Mascherini completò le statue di giuristi romani sul palazzo del Tribunale. Sempre nel camposanto si rese protagonista della realizzazione di numerosi monumenti funebri. Nei primi anni Trenta abbandonò Trieste per approdare a Milano, ove divenne uno dei principali artefici della decorazione scultorea del Cimitero Monumentale di Milano con numerosi interventi. Dopo aver partecipato alla Biennale di Venezia nel 1941, si ritirò in un lungo isolamento dal quale uscì con una originale polemica esposizione triestina nel 1949. Personalità schiva e artista isolato nel tumulto artistico del dopoguerra, compì, nella sua città natale, la figura della Vergine dorata sulla sommità della colonna di Piazza Garibaldi. Si spense a Milano nel 1970.


contatti